Compendio di Diritto Penale

Massimiliano di Pirro
Casa Editrice La Tribuna, 2011
ISBN 8861327192


Indice dell'Opera

Parte Generale

Parte I. Introduzione al diritto penale. il principio di offensività


Il diritto penale italiano tra passato e futuro

1. Introduzione. 2. Breve excursus storico: liberalismo penale, scuola classica e scuola positivista. L’incidenza della Costituzione sul sistema penale 4. Il nuovo volto del diritto penale. 5. Il sistema penale italiano: un oggetto d’antiquariato? 6. Prospettive di riforma. Verso un diritto penale più umano?.

Principio di offensività, concezione realistica del reato e reati di pericolo

1. Profili generali. 2. Fondamento costituzionale. 3. I risvolti ”operativi” del principiodi offensività. 4. Una conferma normativa del principio di offensività del reato. 5. Il principio di offensività alla luce delle varie tipologie di reato.

Parte II. Il principio di legalità e i suoi corollari


Introduzione al principio di legalità

1. Legalità formale. 2. Legalità sostanziale. 3. Legalità formale-sostanziale. 4. I corollari del principio di legalità: schema generale.

La riserva di legge

1. La natura giuridica della riserva di legge. 2. Le fonti del diritto penale. 3. Le norme penali in bianco. 4. Riserva di legge e normativa europea.

Il principio di tassatività (o determinatezza) della fattispecie penale

1. Lo scopo del principio di tassatività. 2. Elementi rigidi, elastici e indeterminati. 3. Un caso esemplare: la vicenda del reato di plagio. 4. Il divieto di analogia in malam partem.

Il principio di irretroattività e l'efficacia della legge penale nel tempo

1. L’irretroattività delle norme giuridiche: profili generali. 2. Le ipotesi previste dall’art. 2 c.p. 3. Casistica.

Parte III. L`efficacia della legge penale nello spazio


Principio di territorialità e luogo di commissione del reato

1. “Territorialità temperata”o “universalità”?. 2. Il locus commissi delicti. 3. Deroghe al principio di territorialità.

Delitto politico ed estradizione

1. Nozione di delitto politico. 2. L’estradizione. 3. I limiti all’estradizione.

Le immunità

1. Inquadramento generale. 2. Le immunità di diritto interno e di diritto internazionale. 3. Casi particolari di immunità: il “lodo Schifani” e il “lodo Alfano”.

Parte IV. La struttura del reato


Il reato in generale: teoria della bipartizione e tesi tripartita

1. Reato in senso formale e in senso sostanziale. 2. Illecito penale, civile e amministrativo. 3. La tradizionale teoria della bipartizione del reato e la tesi della tripartizione. 4. Oggetto giuridico e oggetto materiale del reato.

Il soggetto attivo del reato

1. Gli elementi del reato. 2. Il soggetto attivo. 3. La responsabilità delle persone giuridiche. 4. La delega di funzioni. 5. Il soggetto passivo.

La condotta. In particolare, il reato omissivo

1. Reati di azione e reati di omissione. 2. Reati omissivi propri e impropri. Le posizioni di garanzia.

L'evento

1. La definizione di evento: tesi naturalistica e tesi giuridica. 1. 2. I delitti aggravati dall’evento: rinvio.

Il nesso causale

1. Introduzione. 2. La teoria della condicio sine qua non. 3. Le teorie della causalità adeguata e della causalità umana 4. Teoria dell’imputazione obiettiva dell’evento. 5. La causalità scientifica. 6. La causalità nei reati omissivi. 7. La causalità addizionale. 8. La causalità alternativa ipotetica. 9. Il nesso causale nei reati colposi. 10. La causalità nell’ambito dell’attività medico-chirurgica. 11. Le concause (art. 41 c.p.). 12. La “crisi” della causalità.

Parte V. Le cause di giustificazione (o scriminanti)


Collocazione sistematica delle scriminanti

1. Inquadramento generale. 2. Le cause di giustificazione nella concezione bipartita e tripartita del reato. 3. Distinzione da figure affini.

Il consenso dell'avente diritto

1. Caratteri del consenso. 2. Diritti disponibili e diritti indisponibili. 3. Il ”caso Muccioli”. 4. Ipotesi particolari: attività sportiva violenta e attività medicochirurgica.

L'esercizio di un diritto

1. Fondamento della scriminante. Il significato del termine “diritto”. 2. Presupposti e limiti. 3. Le fonti del diritto. 4. Il diritto di cronaca e di critica giornalistica. 5. Il diritto di sciopero. 6. Ius corrigendi. 7. Gli offendicula.

L'adempimento di un dovere

1. Nozioni generali. 2. I presupposti dell’adempimento del dovere. 3. L’ordine illegittimo e l’ordine manifestamente criminoso. 4. L’agente provocatore.

La legittima difesa

1. I presupposti della legittima difesa. 2. La legittima difesa nell’ambiente domestico. 3. Reazione legittima agli atti arbitrari del pubblico ufficiale 4. Questioni controverse.

L'uso legittimo delle armi

1. Una scriminante autoritaria. 2. Ambito soggettivo della scriminante. 3. Presupposti. 4. La “legge Reale”. 5. Gli “altri mezzi di coazione fisica”. In particolare, l’uso delle armi e i cd. scafisti. 6. L’uso legittimo delle armi alla luce della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Lo stato di necessità

1. Fondamento della scriminante. 2. Presupposti. 3. Lo stato di indigenza dei cittadini extracomunitari. 4. Il “soccorso di necessità”. 5. Dovere giuridico di esporsi al pericolo. 6. Lo stato di necessità determinato dall’altrui minaccia. 7. Delitti contro l’amministrazione della giustizia: l’esimente ex art. 384 c.p.

Le scriminanti tacite (o non codificate)

1. Introduzione. 2. attività medico-chirurgica. 3. Attività sportiva violenta. 4. Le informazioni commerciali. 5. Gli offendicula.

La disciplina delle cause di giustificazione. Eccesso colposo e scriminanti putative

1. Rilevanza delle scriminanti esistenti. 2. Le scriminanti putative. 3. L’eccesso colposo.

Parte VI. La colpevolezza (Nullum crimen sine culpa)


Colpevolezza e imputabilità

1. Inquadramento generale. 2. L’imputabilità. 3. Le cause di esclusione o di diminuzione dell’imputabilità. 4. La tormentata relazione tra colpevolezza e imputabilità 5. La conoscenza o conoscibilità dell’antigiuridicità del fatto.

Il dolo e la colpa. La coscienza e volontà

1. Il dolo. 2. La colpa: profili generali e struttura. 3. Le attività rischiose. 4. L’elemento soggettivo nelle contravvenzioni. 5. La coscienza e volontà della condotta (suitas).

Le cause di esclusione della colpevolezza

1. L’errore. 2. Errore sull’età. 3. Il reato putativo.

La responsabilità oggettiva

1. Profili generali. 2. Il reato aberrante. 3. La preterintenzione. 4. I delitti aggravati dall’evento. 5. La responsabilità del direttore di giornale.

Parte VII. Le forme di manifestazione del reato


Il concorso di reati

1. Profili generali. 2. Unità e pluralità di reati. 3. Concorso materiale di reati. 4. I reati connessi. 5. Concorso formale (o ideale) di reati. 6. L’unicità dell’azione come criterio distintivo tra concorso formale e materiale.

Il concorso apparente di norme

1. Profili generali. 2. Il principio di specialità. 3. Il principio di sussidiarietà. 4. Il principio di consunzione (o di assorbimento). 5. Il ne bis in idem sostanziale. 6. La norma prevalente. 7. Le teorie monistiche e pluralistiche. 8. Antefatto e postfatto non punibili, reato progressivo e progressione criminosa.

Il reato continuato

1. Nozione e fondamento. 2. Elementi costitutivi del reato continuato. 3. L’ambito applicativo della continuazione: reati colposi e reati contravvenzionali. 4. Continuazione e aggravante ex art. 61, n. 2, c.p. 5. Natura giuridica e disciplina della continuazione. 6. Il concetto di “violazione più grave” e il problema delle pene eterogenee 7. Continuazione e giudicato. Recidiva. 8. Associazione per delinquere e reato continuato.

ver las páginas en versión mobile | web

ver las páginas en versión mobile | web

© Copyright 2017, vLex. Tutti i Diritti Riservati.

Contenuti di vLex Italia

Esplora vLex

Per Professionisti

Per Soci