Galateo degli avvocati

Vincenzio Moreno
Fondazione Scuola Forense, 2006


Indice dell'Opera

Sessioni

  • Sommario

Prefazione

Introduzione

Storia e costumi dell’avvocatura napoletana nel Galateo di Vincenzio Moreno

1. La rinascita culturale degli anni trenta. 2. Vincenzio Moreno tra poesia, diritto ed economia. 3. L’avvocato civilista, ovvero lo “scienziato” del diritto. 4. La crisi del foro napoletano e i «parenti» del Galateo. 5. I tentativi di disciplina tra antico e nuovo regime. 6. Un rescritto fantasma e un dibattito interessante alla Consulta Generale. 7. In nome dell’autonomia contro l’invincibile «ragno» napoletano. 8. Un piccolo codice comportamentale tra storia e ragione.

Nota del curatore

Discorso proemiale

Della professione di avvocato

Necessità ed utilità degli avvocati nelle società civili - Come il molto numero degli avvocati sia indizio e non cagione della moltiplicità dei litigi - Come questa molteplicità non sia sempre indizio di danno sociale - Come il numero degli avvocati non sia oggi dì molto maggiore di quello di altra volta nel regno napolitano – Come il numero degli avvocati sia proporzionatamente minore di quello degli altri professori del regno - Perchè debba esser maggiore.

Delle varie maniere di avvocati

Partizione della materia - Quante sorte di avvocati sieno stabilite dalle nostre leggi - E quante dalle usanze - Dei patrocinatori, ed alunni degli avvocati - Dei pseudo-avvocati - Della popolazione del foro - Degli avvocati propriamente detti - Differenza tra gli avvocati odierni del regno e gli antichi - E tra i nostri e gli avvocati forestieri.

Delle opere degli avvocati quanto alle cose

Partizione di tutta la materia - Delle convenzioni ed accordi in generale - Dei matrimoni - Degli acquisti - Dei mutui - Degli appalti e locazioni - Delle donazioni e testamenti - Delle liti in generale - Dell’ apparecchiamento dei giudizi - Del proseguimento dei giudizi e dei gravami - Delle transazioni - Dei compromessi.

Dell'opera degli avvocati quanto alle persone

Partizione della materia – Ufizî verso i magistrati - Verso i clientiVerso i colleghi – Verso i patrocinatori – Verso gli ufiziali di giustizia.

Delle opere degli avvocati quanto ai luoghi

Partizione della materia - Della casa dell’avvocato - Di quella del magistrato - Del foro - Delle pubbliche officine - Dei ritrovi pubblici e privati - Delle ville - Dei pranzi.

Delle opere degli avvocati quanto ai tempi

Partizione della materia. - Dello studio camerale. - Dell’aringare.Dell’informare. Delle tornate o sessioni. - Del sollazzarsi.

Appendice. Codice Deontologico Forense

Preambolo. Titolo I. Principi generali. Titolo II. Rapporti con i colleghi. Titolo III. Rapporti con la parte assistita. Titolo IV. Rapporti con la controparte, i magistrati e i terzi. Titolo V. Disposizione finale.

ver las páginas en versión mobile | web

ver las páginas en versión mobile | web

© Copyright 2017, vLex. Tutti i Diritti Riservati.

Contenuti di vLex Italia

Esplora vLex

Per Professionisti

Per Soci